Intrattenimento

Living with yourself: data e dettagli della nuova serie Netflix

Paul Rudd nel suo primo ruolo da protagonista in una serie televisiva

La piattaforma streaming Netflix ha svelato le prime immagini di Living with yourself. Parliamo della nuova serie tv originale con Paul Rudd nel suo primo ruolo da protagonista in una serie televisiva. Lo show sarà disponibile in tutti i Paesi in cui il servizio è attivo da venerdì 18 ottobre 2019

Living with yourself: la trama

Questa la sinossi della serie. “Living with yourself è una commedia esistenziale che solleva un interrogativo: vogliamo davvero essere migliori? Miles (Paul Rudd) è un uomo ferito dalla vita e dall’amore che si sottopone a una misteriosa cura per poi scoprire di essere stato sostituito da una versione migliore di se stesso”. Situazione che gli cambierà letteralmente la vita: “Mentre affronta le conseguenze indesiderate delle sue azioni, Miles scopre che deve combattere per sua moglie (Aisling Bea), la sua carriera e la sua stessa identità“.

Composta da otto episodi, Living with yourself, è stata creata e scritta da: Timothy Greenberg (Vincitore di due Emmy per The Daily Show). Alla direzioni invece troviamo: Jonathan Dayton e Valerie Faris (La battaglia dei sessi, Little Miss Sunshine). I produttori esecutivi: Timothy Greenberg, Anthony Bregman, Jeff Stern (Likely Story), Tony Hernandez (Jax Media), Jonathan Dayton, Valerie Faris, Paul Rudd e Jeff Blitz.

Il grande protagonista, Paul Rudd, nonostante il suo ruolo in Friends, Parks and Recreation e altri, è per la prima volta in tv con un ruolo da protagonista. Molti lo ricorderanno nel ruolo di Scott Lang, il secondo Ant-Man nell’omonimo film dei Marvel Studios. Un ruolo che ha ripreso anche nel film Captain America: Civil War nel 2016, nel sequel Ant-Man and the Wasp, nel 2018 e nel film Avengers: Endgame nel 2019.

Anna Montesano

Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button