Cinema e Serie TV

L’interprete di Darth Maul parla dei piani originali per Solo

Sam Witwer ha svelato alcuni dettagli inediti

Quando Solo: A Star Wars Story è arrivato nelle sale, una delle più grandi sorprese per il pubblico è stata vedere Darth Maul apparire negli ultimi momenti del film, interpretato fisicamente da Ray Park e doppiato da Sam Witwer. Quest’ultimo ha rivelato che il personaggio ed il ruolo nel film finale era abbastanza diverso da quello inizialmente previsto. Witwer ha continuato a notare che non gli era permesso divulgare tutti i dettagli del coinvolgimento originale di Maul.

Nell’intervista concessa a SW Holocron, Sam Witwer ha dichiarato: “C’erano cose che dovevano succedere una volta che sono stato assunto”. Per poi aggiungere: “Ci fu una nuova ripresa che doveva avvenire perché persone come me e Dave Filoni stavano facendo loro sapere che c’erano molti dettagli che non erano coerenti”. Vedute diverse: “Non sono io a dire che queste persone non sapevano cosa stavano facendo perché stavano girando un film e lo stavano facendo a velocità della luce. Alla fine, hanno fatto la cosa giusta perché hanno assunto le persone che erano esperte in questo come Dave Filoni e, oserei dire, io, perché sono un po’ un esperto di ciò che abbiamo fatto con Maul negli ultimi dieci anni”.

Sul doppiaggio Sam Witwer ha aggiunto: “Non voglio dire che ciò che (l’attore vocale Star Wars: The Phantom Menace Peter) stava facendo Serafinowicz fosse brutto, ma non sembrava riconoscibile come il personaggio di The Phantom Menace né il personaggio di Clone Wars”. Infine ha sottolineato: “Era una cosa totalmente diversa. Avevano bisogno che le persone riconoscessero la voce, quindi eccola”.

Grande sorpresa tra i fan

Il portale comicbook spiega come molti fan siano rimasti scioccati nel vedere Darth Maul, data la sua apparente scomparsa alla fine di Star Wars: Episodio I – La minaccia fantasma. Ma nelle serie animate di Star Wars, i fan sapevano che fosse invece sopravvissuto al suo incontro con Obi-Wan Kenobi, continuando a gestire un sindacato criminale. I commenti di Witwer sembrano implicare che il film originariamente si basasse dunque sulla natura spietata del personaggio criminale che è diventato.

Anna Montesano

Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button