News

La vita narrata da un PG

Rieccoci qui al secondo appuntamento con Thunder Hammer. Dopo aver introdotto la mia rubrica con la classifica dedicata ai martelli del mondo videoludico, stavolta ci conosceremo meglio; ma non pensate a un “descriviti in tre aggettivi”, non mi definirei mai solare! Piuttosto lo farò narrandovi dei miei personaggi, una cosa in stile “dimmi che personaggio crei e ti dirò chi sei”.

In quest’ultimo mese, come molti di voi, mi sono dedicato anima e corpo a Dark Souls 3, l’ultima fatica di From Software. Come in ogni gioco in cui bisogna crearsi da zero il proprio personaggio, ho passato la prima ora interamente nella schermata di personalizzazione. Per quanto mi riguarda, già la scelta del nome è un parto di suo; non si può dare il primo nome che ci passa per la testa al nostro futuro avatar: il nostro araldo e rappresentante contro le forze del male, il nostro personale eroe che salverà il mondo non può avere un nome come Pierino (non me ne vogliano i Pierino) o Bubi, come nella famosa pubblicità con Sylvester Stallone. Ok, ammetto che in giovane età, mosso da goliardici pensieri, ho chiamato il protagonista di Pokemon Rosso o dei RPG dedicati a Yu-Gi-Oh su game boy advance con nomi idioti per farmi grasse risate ogni volta che veniva nominato, mea culpa. Volendo fare una scelta più ponderata, dopo aver perlustrato internet, frugando fra gli archivi dei nomi epici per avere un’ispirazione, finalmente si arriva alla decisione del tanto agognato nome, giusto dopo quei tre quarti d’ora standard da quando tutto il processo è iniziato. Poi si passa alla creazione delle caratteristiche fisiche del personaggio. Gli editor più moderni permettono opzioni incredibili, ma diciamocelo, alle volte parecchio inutili. Ad esempio ingrandire il lobo dell’orecchio sinistro o la profondità della mascella posteriore, opzioni di dubbia utilità ma che non si può fare a meno di controllare per vedere gli effetti che hanno sui tratti facciali del proprio personaggio, anche se sappiamo già che è una perdita di tempo. Risolti gli ultimi dettagli, eccoci infine pronti col nostro nuovo avatar per addentrarci nel mondo di gioco.

Questo processo sarà noto a molti di voi, tante volte lo avete fatto e tante volte lo rifarete in futuro. Riflettendoci sono giunto alla conclusione che ogni personaggio creato nel corso degli anni, riflette una parte di noi, magari fotografando uno specchio di noi stessi, delle nostre passioni del momento. Pensate a quanto sono diversi i personaggi creati fra una fase della vostra vita e un’altra: si va dal personaggio ispirato al nostro eroe del momento, ad una trasposizione di noi stessi idealizzata oppure semplice come nella realtà, dalla ragazza dei nostri sogni agli ideali che più ci riflettono in un determinato periodo. Forse potrà sembrare un’analisi dalle sfumature troppo psicologiche, ma da sempre sono stato affascinato dalla teoria degli archetipi di Jung e da come questi ci possano influenzare inconsciamente nelle nostre scelte. Ogni personaggio creato da me dice molto della mia persona, e riflette parti di me che magari, durante la creazione, non ho nemmeno fatto apposta a inserire. Ad esempio, ricordo ancora in Dragon Age: Origins il coraggioso custode grigio Donnie (nome ispirato da Donnie Darko, uno dei miei film preferiti), guerriero dall’aspetto selvaggio, sacrificatosi per salvare il mondo dal flagello. Nei successivi giochi della saga i protagonisti sono cambiati pian piano, riflettendo nell’impronta data in fase di creazione altri aspetti di ciò che mi stava a cuore in quel dato momento.

Se nome e aspetto del personaggio riflettono una parte del nostro essere, il suo sviluppo successivo stabilisce il nostro modo di fare preferito: con questo mi riferisco all’assegnazione di punti abilità, talenti e statistiche varie. Siamo propensi alla forza bruta o preferiamo un approccio più tattico, spada o magia. Anche il nostro modo di agire rispecchia in parte il nostro carattere. Io, ad esempio, sono sempre stato propenso a impersonare un guerriero e ad agire di forza bruta, non perché odio la magia o un approccio più tattico, ma perché di solito è il modo di fare in cui più mi rispecchio. Spesso ho il desiderio di provare altro per cambiare e sperimentare nuovi approcci così da non fossilizzarmi sempre sullo stesso modus operandi. Mi è capitato dunque anche di creare personaggi più incentrati sulla magia, perché alla fine far esplodere le cose a colpi di palle di fuoco è sempre bello. Dal momento che all’inizio parlavo di DS III, mi ricollego alla saga per fare un esempio pratico. Nel primo Dark Souls, ancora inesperto dello stile di gioco, provai a fare un mix fra mago e guerriero, essendo ispirato dalle magie che il gioco proponeva, ma non volendo rinunciare al piacere dell’arma bianca. Ludicamente parlando fu una pessima scelta, perché col voler esagerare si finisce per penalizzarsi in entrambi i campi, come fu per me, che non eccellevo né in una qualità né nell’altra. Nel secondo dei Souls mi dedicai invece ad un guerriero condito con un pizzico di Piromanzia. La passione per le magie di questo titolo non mi era passata, ma stavolta, memore dell’esperienza precedente, riuscì a bilanciarlo di più, anche se presentava ancora delle lacune. Come in tutti gli ambiti della nostra vita, anche nei videogiochi, sperimentando e provando anche cose che, apparentemente, sono totalmente opposte al nostro carattere, si cresce e si evolve imparando dagli errori. Uscire dal proprio metodo preferito di approcciarsi può aiutarci molto a capire i nostri difetti e punti di forza e a migliorare in futuro. Certo, qui stiamo parlando di videogiochi, ma non è detto che questo non possa aiutarci in generale, d’altronde da ogni esperienza su questa terra si può trarre un insegnamento. In DS III, infatti, capiti i miei punti di forza dagli errori del passato, ho deciso di specializzarmi solo sull’arma bianca, rinunciando, un po’ a malincuore, a qualsiasi tipo di magia. Ispirato da Vikings, mia serie preferita del momento, ho deciso la mia classe di partenza già quando nella descrizione del guerriero citava gli uomini del Nord. Alla fine quello che ne è venuto fuori è un personaggio ignorante di definizione, ossia il più diretto e brutale possibile, senza troppi fronzoli intorno. Devo dire che mi sta dando parecchie soddisfazioni anche in PVP, nell'immagine qui sopra potete vedere la mia creatura e un mio piccolo video che dimostra la forza dell'ignoranza. I miei errori mi hanno decisamente insegnato qualcosa! Io vi ho parlato un po’ dei miei personaggi e di come in parte mi riflettano, ora parlatemi voi dei vostri. Ci vediamo alla prossima.

Silvio Mazzitelli

Di stirpe vichinga, sono conosciuto soprattutto con il soprannome “Shiruz”, tanto che quasi dimentico il mio vero nome. Videogiocatore incallito sin dall’alba dei tempi, adoro il mondo videoludico perché dopo tanto tempo riesce sempre a sorprendermi come la prima volta. Scrivo ormai da diversi anni di questa mia passione per poterla condividere con tutti. Sono uno dei fondatori di Orgoglio Nerd e sono anche appassionato di tutto ciò che riguarda la cultura giapponese e la mitologia (in particolare quella nordica).

Ti potrebbero interessare anche:

Commenti

  1. ricordo il mio primo personaggio su sacred 1; un elfa silvana che ero riuscito a rendere moderatamente eclettica grazie a discrete sessioni di farming. purtroppo l’editor del personaggio non era presente su quel gioco quindi era necessario accontentarsi; in altri giochi o cercato dove era possibile di differenziare il tipo di approccio, creando personaggi guerrieri e personaggi maghi e così fino ad oggi ( anche se a dire la verità non ho tutta questa esperienza con i giochi di ruolo).
    Per quanto riguarda i nomi sono solito usare il nome di Caronte o altri soggetti appartenenti alle più svariate mitologie; c’è da dire che anche io all’inizio davo nomi semplici o buffi così senza una ragione specifica.

    P.S.
    bell’articolo

  2. Su dark souls 1 avevo iniziato con un piromante che poi è diventato un personaggio con 60 a forza e niente piromanzie, nel secondo sono andato di spadone sin dall inizio , nel terzo ho diversi pg , ma il main è un puro guerriero
    In quanto a nomi non ho molta fantasia , il primo pg lo chiamo sempre Tobia , gli altri hanno nomi orribili

  3. Il primo personaggio che creo, ha sempre il soprannome Delta (da Bioshock2) ma non è escluso che gli dia un nome ispirato, su Bloodborne si chiama “Abraham H. Delta”, Nei “Dark Souls” parto sempre come Cavaliere per comodità, una volta specializzato nell’uso della forza (accompagnata da un arco per versatilità), cerco di fargli usare tutto quello che scala su fede e intelligenza.

  4. @Luca anche io spesso ho usato nomi presi dalla mitologia, grazie per i complimenti!

    @Tobia Nel primo Dark Souls alla prima run mi son giocato le piromanzie perchè per liberare il maestro, intrappolato nei barili, l’ho colpito ed è diventato ostile! Non mi pareva molto logico rotorargli addosso per liberarlo… quindi mi son buttato sulle magie principalmente. Trovare un nome è sempre un parto comunque!

    @Simone fede e intelligenza le ho basse ma le alzerei solo per usare la Moonlight sword, da sempre una delle armi più belle da vedere dei Souls e Bloodborne

  5. Io tendo a utilizzare sempre gli stessi PG con storie diverse, ma con gli stessi nomi ed estetica ricorrente.
    Devo ammettere che la parte più difficile è sempre trovare un nome e riesco a buttare delle ore alla ricerca di qualcosa di mio gusto che possa rappresentare il personaggio. Personalmente ho letto decine e decine di elenchi di nomi online, tradotto parole in altre lingue e così via per trovare ciò che più mi aggrada.
    Alla fine i miei PG sono: Aeger (guerriero buono neutrale), Silia (ladra neutrale malvagia), Mitleid (guerriero legale malvagio) e Skynner Curteys Shoughness IV (incantatore neutrale malvagio o caotico neutrale).
    Poi ho dei nomi per eventuali pet o simili per i quali ho speso altrettanto tempo in ricerche…
    Draug (compagno lupo per un elfo) e Azad (il mio dolce mabari da combattimento)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button