Letteratura e fumettiLibri

La Ruota del Tempo: perché e in che ordine leggere i libri

Come e perché affrontare una saga fantasy davvero memorabile

Con l’annuncio della fine delle riprese della prima stagione serie TV basata sui libri di La Ruota del Tempo la famosissima serie torna sotto i riflettori. Non c’è momento migliore per riscoprire l’opera di Robert Jordan e Brandon Sanderson, che concluse gli ultimi tre libri dopo la morte improvvisa dell’autore originale nel 2007. Dalla trama all’ordine in cui leggere i libri di La Ruota del Tempo, in questo articolo vi diamo un breve identikit della serie fantasy che ha ridisegnato il genere.

Di cosa parla La Ruota del Tempo?

In principio, il Creatore forgiò la Ruota del Tempo. La Ruota rappresenta un tempo ciclico e viene fatta girare dall’Unico Potere, la fonte del potere magico nella serie. Dal lato dei cattivi abbiamo Shai’tan, detto anche l’Oscuro, un’entità malvagia il cui scopo è distruggere la Ruota. A causa della natura ciclica della Ruota, e perché nulla può essere semplice in un mondo fantasy di 15 libri, l’Oscuro non può essere sconfitto definitivamente, bensì solo imprigionato.

Seguiamo un lungo cast di personaggi, ma il protagonista vero e proprio è Rand al’Thor. All’inizio di L’occhio del mondo Rand è un ragazzino normale, un contadino con degli amici. Quando il suo villaggio viene attaccato dalla Progenie dell’Ombra, la Aes Sedai Moraine Damodred convince i ragazzi a scappare. Da quel momento inizierà un viaggio epico che porterà Rand a scoprire la magia, il mondo attorno a sé, e la sua identità.

Illustrazione ufficiale del protagonista Rand al’Thor

Perché leggere La Ruota del Tempo?

Nonostante il cliché del protagonista che deve salvare il mondo, La Ruota del Tempo racconta una storia epica, attraverso un elaborato patchwork di personaggi e culture create magistralmente. Nulla è davvero un cliché e tutto quello che sembra esserlo cambierà faccia da una pagina all’altra. Con un grandissimo cast di personaggi e capitoli che alternano i punti di vista, Robert Jordan esplora amicizia, amore, tradimenti. In un classico conflitto bene contro male, troviamo una miriade di sfumature e qualcosa per tutti i lettori.

Le culture dei diversi popoli di La Ruota del Tempo, così importanti nel definire i personaggi, sono tra le più sviluppate e riuscite, se non le migliori, del mondo fantasy. Dalla storia di un popolo ai bottoni di moda e i colori dei vestiti, Robert Jordan non si fa perdere nulla. La cultura non è semplicemente lo sfondo della storia: i personaggi guardano il mondo e di conseguenza si comportano basandosi su di essa. Robert Jordan prende ispirazione da una miriade di luoghi e periodi storici per creare un calderone di culture. Il risultato è un setting pseudo-rinascimentale.

Arriviamo così ai veri protagonisti della serie: i personaggi. Partendo da alcuni amati cliché del fantasy, Robert Jordan crea dei personaggi umani, stando molto attento alla loro psicologia e a non renderli mai degli stereotipi. Tutti i personaggi si evolvono, si contraddicono e non si fanno mai mettere in una scatola sola. L’evoluzione dei personaggi di La Ruota del Tempo è magistrale e unica, data la possibilità offerta da 15 libri. Contadini diventano generali, amici diventano traditori e nulla è mai ovvio o scontato davanti a Robert Jordan, che tesse le storie e le motivazioni dei personaggi con massima cautela. 

Infine, La Ruota del Tempo parte omaggiando e ispirandosi al fantasy classico, evolvendosi piano e trovando un’anima propria. Per questo è una serie perfetta sia per i fan sfegatati del fantasy che per coloro che vogliono una serie nuova e fresca. Alla fine, la serie che partiva ispirandosi dal fantasy classico è diventata la serie che ha definito il genere. La Ruota del Tempo è uno dei pilastri a cui si ispirano e con cui si confrontano gli scrittori fantasy di oggi.

In che ordine leggere La Ruota del Tempo?

Copertina italiana di L’occhio del mondo, primo libro della serie

Questo è l’ordine di pubblicazione dei quindici libri. Gli ultimi tre (Presagi di tempesta, Le torri di mezzanotte e Memoria di luce) sono stati scritti da Brandon Sanderson partendo dagli appunti del defunto Robert Jordan.

  1. L’occhio del mondo
  2. La grande caccia
  3. Il drago rinato
  4. L’ascesa dell’Ombra
  5. I fuochi del cielo
  6. Il signore del caos
  7. La corona di spade
  8. Il sentiero dei pugnali
  9. Il cuore dell’inverno
  10. Crocevia del crepuscolo
  11. Nuova Primavera
  12. La lama dei sogni
  13. Presagi di tempesta
  14. Le torri di mezzanotte
  15. Memoria di luce

L’ordine di pubblicazione non rispetta l’ordine cronologico della narrazione. Nuova Primavera infatti è il prequel della serie e offre un ottimo contesto storico per La Ruota del Tempo. Questo ci porta ai diversi ordini in cui è possibile leggere la serie:

  • Per i puristi: i puristi seguono l’ordine di pubblicazione e leggono Nuova Primavera come undicesimo libro. Questo metodo permette ai lettori di seguire il processo di scrittura di Jordan, e vedere il suo stile evolversi in modo naturale.
  • Per gli storici: gli storici seguono l’ordine cronologico, leggendo Nuova Primavera prima di L’occhio del mondo. Leggere i libri in questo ordine permette ai lettori di avere la storia secondo il suo ordine naturale, e arrivare all’inizio di L’occhio del mondo con ottime nozioni sulla cultura e sulla storia del Randland, l’ambientazione dei romanzi.
  • Consigliato dai fan: diversi fan sfegatati della serie vanno contro i due intuitivi ordini di lettura e consigliano invece una via di mezzo, cioè leggere Nuova Primavera dopo il quinto libro, I fuochi del cielo.

A cosa stare attenti durante la lettura della serie

Forse non bisogna neanche dirlo per una serie di 4 milioni di parole, ma a Robert Jordan piace molto descrivere qualsiasi cosa. Non solo, ripete spesso le descrizioni per assicurarsi che entrino nella testa dei lettori. Se non potete sopportarle pagine e pagine sull’abbigliamento del personaggio che è appena entrato in scena o dell’ennesimo discorso sul funzionamento della magia, fate comunque molta attenzione a saltare o leggere distrattamente questi lunghi paragrafi. Robert Jordan, maestro tessitore, sta attento a ogni parola e leggendo attentamente potreste notare una menzogna o un inganno del personaggio che pronuncia il discorso. 

Copertina di Il cuore dell’inverno

A questo si collega il discorso sullo slog. Lo slog è il termine usato per descrivere tre o quattro libri (La corona di spade, Il sentiero dei pugnali, Il cuore dell’inverno e Crocevia del crepuscolo) in cui la ripetitività di Robert Jordan incontra un ritmo di narrazione e di trama molto lento. Questi libri sono difficili da leggere anche per gli amanti della serie. Pur essendo lenti, libri dello slog hanno dei momenti importantissimi per i personaggi, e alcune delle trame e degli eventi migliori di tutta la serie. Per sentirvi più tranquilli durante lo slog potete pensare che il libro successivo, La lama dei sogni, è considerato uno dei libri migliori, se non il migliore, della serie. 

Infine, evitate Google come se fosse il vostro peggior nemico. Questo vale per tutte le serie TV e i libri, ma ammettiamolo: siamo caduti tutti nel tranello di cercare il nostro personaggio preferito per guardare qualche fanart o controllare informazioni, per ritrovarci davanti il completamento automatico di Google con “dead” o “morto”. Con 15 libri e un cast infinito di personaggi, il pericolo aumenta esponenzialmente.

È possibile finire i libri prima della serie tv?

Diverse fonti dicono che la serie tv de La Ruota del Tempo uscirà tra il 25 novembre e il 25 dicembre 2021. Per chi vuole arrivare in tempo, ciò vuol dire leggere più o meno un libro ogni due settimane fino a novembre. In condizioni normali non sarebbe un compito titanico, ma bisogna considerare che i libri della serie di Robert Jordan contano in media 850 pagine. 

Non è necessario scoraggiarsi, abbiamo infatti una strategia impeccabile per i lettori: il buddy reading. Buddy reading è un termine utilizzato nella comunità internazionale di lettori e rappresenta la pratica di leggere libri insieme ad amici, incoraggiandosi a vicenda e parlando dei passaggi più belli. Se, comprensibilmente, non avete amici disposti a leggere una serie da 15 libri e più di 12000 pagine, l’autore e booktuber Daniel Greene, fan sfegatato di La Ruota del Tempo, ha iniziato da poco una lettura insieme ai fan della serie. Il 21 maggio 2021 ha postato il primo video di recensione e commento di L’occhio del mondo. Dal 21, ogni due settimane leggerà un libro, preparando i lettori alla serie tv.

Non dimenticate però la cosa più importante della lettura dei libri di La Ruota del Tempo: l’intrattenimento. Libri come quelli di Robert Jordan vanno gustati senza fretta. Inoltre molto probabilmente la prima stagione della serie tv racconterà gli eventi del primo libro, permettendo ai lettori che non hanno fretta di leggere i libri in concomitanza con l’uscita delle stagioni.

La Ruota del Tempo è un must-read per i fan del fantasy, sia classico che moderno. I personaggi strabilianti e il mondo complesso creato da Robert Jordan sono una delizia da esplorare e grazie alla loro diversità creano una perfetta esperienza di lettura per ogni tipo di lettore.

Vuoi iniziare a leggere La Ruota del Tempo? Si comincia da qui!

Elena Nonfarmale

Studentessa di lettere e host del podcast comico Interlinea, scrivo articoli quando non sto facendo propaganda di Jane Austen. Per conoscermi basta sapere le mie due frasi più pronunciate: "Leggi La canzone di Achille" e "Leggi Sei di Corvi".

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button