FumettiLetteratura e fumettiNews

BAO presenta La cura del dubbio, il nuovo graphic novel di Elisabetta Romagnoli

Una storia adatta a giovani e adulti per riflettere sul libero arbitrio

Ambientato in un futuro abbastanza prossimo, La cura del dubbio è un graphic novel che fa riflettere sul nostro diritto ad avere dubbi e opinioni. In quel mondo, infatti, chiunque abbia dei dubbi è considerato un fuorilegge e viene messo alla gogna. Ma vediamo la trama più nel dettaglio.

La cura del dubbio, quando il libero arbitrio non è scontato

La cura del dubbio cover

Nel futuro descritto da Elisabetta Romagnoli, il dubbio è severamente vietato dalla legge. Chiunque dubiti pubblicamente di qualcosa subisce una versione più moderna della gogna: viene infatti obbligato a indossare una maschera grottesca. In questo modo chiunque può identificarlo come un vero e proprio terrorista, che diffonde una piaga da evitare.

“Fulvio, sei a un passo dal punto di non ritorno. Ricordati che tu sei esente da accuse di dubbio, ma soltanto finché il governo lo riterrà giusto.”

Il governo del Paese incarica il protagonista, il giovane scienziato Fulvio Davelio, di trovare una “cura del dubbio“. Il suo compito è quello di trovare un modo di impedire definitivamente a ogni singolo individuo di mettersi in dubbio. Fulvio si trova così di fronte a dei profondi dilemmi etici. Non è sicuro di essere all’altezza di questo incarico, e soprattutto non è sicuro di volerlo portare a termine. Il prezzo da pagare per lui è infatti molto alto. A causa del suo lavoro il rapporto con la sua amata Camilla si sta incrinando e il mondo intero gli sembra ormai spaventoso. Deve fare una scelta e agire.

Questa storia è adatta sia ad adolescenti che a un pubblico adulto, perfetta per chiunque si ponga domande esistenziali.

La cura del dubbio sarà disponibile in libreria e negli store online a partire dal 25 marzo 2021.

Appassionato di graphic novel? Tieni d’occhio le ultime notizie

L’autrice

Elisabetta Romagnoli è un’illustratrice, fumettista e colorista nata e cresciuta a Roma. Ha studiato alla Scuola Internazionale di Comics e ha collaborato con Loescher Editore ed Eura Editoriale. Nel 2015 è uscito presso BAO Publishing il suo primo graphic novel, Finisco di contare le mattonelle.

Beatrice Penna

La principale informazione che riesco a fornire su di me è che non so scrivere le bio. Se avete bisogno di me, mi trovate sotto una coperta a guardare anime. Se faccio capolino da sotto la coperta, è perché mi serve un po' di luce per leggere un manga.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button