Cinema e Serie TV

Cosa hanno in comune Kubrick e Nolan? Lo spiega Matthew Modine

Matthew Modine illustra la sua opinione avendo lavorato con entrambi

Di recente, Matthew Modine, ospite del podcast ReelBlend, ha lanciato una riflessione paragonando Christopher Nolan a Stanley Kubrick. Modine è stato uno dei pochi attori che ha lavorato fianco a fianco con entrambi i registi (su Full Metal Jacket e poi su The Dark Knight Rises). Quando gli è stato chiesto se i registi avessero qualche tratto in comune, Modine ha spiegato il suo punto di vista.

Matthew Modine illustra il suo pensiero

La gente me lo chiede spesso. ‘Christopher Nolan è il nuovo Stanley Kubrick?E io dico: ‘Non credo che Christopher Nolan stia cercando di essere il nuovo Stanley Kubrick. Penso che stia cercando di essere il prossimo Christopher Nolan”. Ha esordito Matthew Modine, che ha poi spiegato: “Stanley non stava cercando di essere nessun altro. E la cosa brillante che ha fatto Stanley è quella di essersi trasferito da New York a Los Angeles e poi finire in Inghilterra, questo gli ha dato una distanza di sicurezza dall’influenza esterna”. E ancora: “Una delle cose di cui parlo nel mio diario è l’importanza di poter [saper] imparare … il viaggio più importante per un artista è trovare la propria voce, trovare la propria strada. Tanti artisti ne parlano in modi diversi”.

Senza dubbio, Christopher Nolan è riuscito a trovare la sua strada. Nonostante abbia girato tre film su Batman, Nolan si è ritagliato uno spazio importante nel settore raccontando storie personali e individuali su vasta scala. Scrive (o co-scrive) le proprie sceneggiature e sviluppa un progetto dalla fase dell’idea all’apertura teatrale. Ed è questo approccio al suo materiale che allinea Nolan a Stanley Kubrick, almeno agli occhi di Matthew Modine.

“Se hanno qualcosa in comune, Christopher Nolan sta cercando di trovare la sua strada proprio come Alan Parker con cui ho lavorato in Birdie”, ha ancora aggiunto Modine. Un altro esempio: “Oppure Robert Altman cercava continuamente di trovare il proprio modo di raccontare storie. Ed è una specie di improvvisazione. Penso che fosse il più simile a un musicista jazz dei registi con cui ho lavorato, sai, il modo in cui ha lanciato i suoi film, il modo in cui ha diretto gli attori nel film“, ha così concluso.

Anna Montesano

Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button