Cinema e Serie TVFeaturedFilm

Indiana Jones e la lotta con lo spadaccino: quella dissenteria che cambiò tutto

Una delle scene più iconiche ed esilaranti della saga è in realtà nata da un malore che ha colpito Harrison Ford

Così come nella vita, anche nel cinema i momenti migliori arrivano così, un po’ per caso. Spesso per errore, spesso per imprevisti, nascono scene che, nel bene o nel male, rimangono indimenticabili. È ciò che è accaduto anche durante le riprese de I predatori dell’arca perduta. Parliamo del primo capitolo e dunque capostipite di una delle saghe più amate della storia: quella di Indiana Jones.

Torniamo a esattamente quarant’anni fa. Siamo nel 1981 quando arriva prima negli USA, il 12 giugno, poi in Italia (il 22 ottobre) questo film che vede Harrison Ford nei panni di un archeologo con capacità speciali. L’uomo ha una doppia vita: stimato professore universitario da un lato, avventuriero dalle grandi abilità dall’altra. Qualche anno prima, George Lucas decide riportare sul grande schermo quelle avventure epiche di anni prima e ne parla con Steven Spielberg. L’idea arriva dunque dai fumetti e da un mito che da sempre appassiona il mondo: quello dell’Arca dell’Alleanza. Lo spunto dunque c’è, ci sono due menti eccelse alle spalle del progetto e, successivamente, arriva anche la scelta del protagonista che ricade, appunto, su Ford, reduce di un’indimenticabile interpretazione di Han Solo in Star Wars. Nasce quindi la saga Indiana Jones, che quest’anno compie dunque 40 anni.

Indiana Jones, I predotari dell'arca perduta

La verità dietro lo scontro tra Indiana Jones e lo spadaccino

Torniamo però a I predatori dell’arca perduta, addentrandoci in quella scena particolare accennata all’inizio dell’articolo. Indiana Jones è in Egitto. Ha il via un inseguimento in un mercato all’aperto. Mentre la sua amata Marion (Karen Allen) cerca di scappare e mettersi in salvo, l’archeologo, a colpi di frusta, si fa largo tra i nemici. Ad un certo punto si para sulla sua strada uno spadaccino vestito di nero. L’uomo, per dimostrare la sua abilità nel gestire l’arma, dà il via ad una serie di acrobazie ma, prima che ‘l’esibizione di forza’ giunga al termine, Indiana Jones sfodera la pistola e gli spara a bruciapelo. Un solo colpo ma letale. Il momento perde, dunque, tutta la sua tensione e drammaticità, diventando una scena divertente.

In realtà la scena doveva essere molto diversa da così. In origine si prevedeva infatti un lungo combattimento tra Indiana Jones e lo spadaccino. Uno scontro complesso che avrebbe dovuto concludersi con il protagonista che disarma l’avversario a colpi di frusta. Harrison Ford non era però nel pieno della sua forma. Il celebre attore stava male a causa di un’intossicazione alimentare che aveva colpito tutta la troupe e soffriva in quei giorni di dissenteria. Proprio per questo motivo decise di proporre al regista una scena breve e meno complicata ma dall’impatto comunque forte.

Indiana Jones, lo spadaccino e il malore di Harrison Ford: le parole dell’attore

Fu lo stesso Harrison Ford, alcuni anni fa, a svelare quanto accaduto sul set e con quella scena in particolare, in una sessione di domande e risposte AMA su Reddit Sunday. Queste le sue parole:

Stavamo girando in Tunisia e nella sceneggiatura era prevista una scena in cui avrei dovuto combattere uno spadaccino, un esperto spadaccino, doveva essere il duello finale tra spada e frusta. Stavo soffrendo di dissenteria, sul serio, era molto difficile per me rimanere fuori dal mio camerino più di 10 minuti. Avevamo fatto un breve ripasso della scena la notte prima e sia io che Steve ci eravamo resi conti che ci sarebbero voluti due o tre giorni per girarla. Ed era l’ultima scena che dovevamo girare in Tunisia prima di spostarci in Inghilterra. E la scena prima comprendeva un combattimento con cinque cattivoni che cercavano di rapire Marion, quindi mi sembrava un po’ ridondante. Stavo pensando a come evitare quei tre giorni di riprese, quindi una volta arrivato sul set ho proposto a Steve di sparare semplicemente a quel figlio di putt*na e Steve mi ha risposto “Stavo pensando la stessa cosa”. Il povero ragazzo era un bravissimo stuntman inglese che si era allenato per mesi per girare quella scena e fu molto sorpreso nell’apprendere che tutto si sarebbe risolto in cinque minuti. Ma lui ha impugnato la spada, io ho preso la mia pistola, e subito dopo siamo tornati in Inghilterra.

Difficili condizioni sul set de I predatori dell’Arca perduta

C’è da dire che il malore che colpisce Harrison Ford nasce in realtà da condizioni generali non semplicissime, che vengono sofferte un po’ da tutti gli addetti ai lavori. La produzione sta infatti girando in Tunisia. Inizialmente si prevede un mese e mezzo circa di riprese. Queste si riducono a un mese proprio a causa del caldo eccessivo del ruolo e dei malori, dissenteria compresa, che in tanti iniziano ad accusare. Tra questi c’è anche il nostro Indy, la cui storia è ormai nota. Pare che l’unico a uscirne ‘indenne’ fu proprio Steven Spielberg che si portò del cibo in barattoli dall’America, evitando dunque quello locale.

Ricordiamo che se I predatori dell’Arca perduta è il primo capitolo della saga, Indiana Jones con Harrison Ford si prepara a tornare per un quinto episodio le cui riprese sono iniziate da poco.

Indiana Jones E I Predatori Dell'Arca Perduta (Special Edition)
  • Attori: Harrison Ford, Karen Allen, Paul Freeman, Ronald Lacey, John Rhys-Davies, Denholm Elliott, Alfred Molina, Wolf Kahler, Anthony Higgins
  • Regista: Steven Spielberg
  • Ford,Allen (Actor)
  • Audience Rating: X (Solo per adulti)

Vi lasciamo sul finale il video della scena dell’indimenticabile scontro tra Indiana Jones e lo spadaccino ne I predatori dell’arca perduta.

Anna Montesano

Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button