News

How I Met Your Mother: il senso di vuoto

È difficile essere obiettivi, quando bisogna parlare del finale di una serie che ci ha accompagnati per tanti anni. È veramente difficile. Ma ci proveremo e, ovviamente, lo faremo dal punto di vista Nerd.
Ci stiamo riferendo all'attesissimo (e controverso) finale di stagione di How I Met Your Mother, di Carter Bays e Craig Thomas, che dopo averci tenuto compagnia per quasi dieci anni è finalmente giunto a conclusione.
Prima di andare avanti ed entrare nel vivo dell’articolo, una precisazione: ci saranno spoiler. Quindi, se non volete rovinarvi la sorpresa, e negli ultimi giorni siete sopravvissuti allo spam selvaggio sui social e agli amici burloni o sedicenti tali che provano piacere nell'anticiparvi i finali, beh, chiudete la pagina e tornateci in un secondo momento.

Un brevissimo excursus sulla puntata finale (09×23 e 09×24: The End of the Aisle), riassumendone i punti salienti.
L’episodio è un continuo proporre (o riproporre) scene che vanno dal passato – a partire dal 2005, anno in cui Robin è entrata a far parte del gruppo – al 2030, il “presente” in cui Ted sta raccontando ai propri figli la storia di come ha conosciuto la loro madre.
E la domanda che tutti, tutti ci siamo fatti per quasi dieci anni è stata: la incontrerà mai, questa “madre”?
La risposta è sì.
Tracy McConnel (finalmente possiamo anche chiamarla per nome!) suonava come bassista al matrimonio di Barney e Robin – altra scena iniziale dell’episodio-. Barney insiste per presentarla a Ted, che, dovendo partire entro poche ore per trasferirsi a Chicago, rifiuta… incontrandola però la sera stessa alla stazione. Inutile dire che scoccherà la scintilla: Ted non partirà più e il suo rapporto con Tracy andrà evolvendosi in maniera sempre più profonda, sebbene molto e forse troppo rapida per noi spettatori.
Per quanto riguarda gli altri personaggi…
Il matrimonio di Robin e Barney dura solamente tre anni a causa del lavoro di lei, che la costringe a viaggiare continuamente. Proprio a causa della rottura, con enorme dispiacere di Lily, Robin si allontana sempre più dal resto del gruppo. Dopo qualche anno dal divorzio, Barney ha una bambina da una donna di cui rifiuta di rivelare il nome – e che non viene mai mostrata, perdendo quasi del tutto le proprie velleità da donnaiolo per dedicarsi a lei. Marshall riesce a fare carriera come giudice e con Lily arrivano ad avere un terzo figlio, restando come sempre le “colonne portanti” del gruppo di amici, nonostante tra loro si frequentino sempre di meno.

Ma ecco le note dolenti. Dopo aver avuto due figli con Ted e averlo sposato… Tracy muore a causa di una malattia.
Ed è qui che arriviamo al nocciolo di tutte le vicende svoltesi nel corso di nove, lunghe stagioni.
Ted non ha raccontato l’intera vicenda per parlare effettivamente di come abbia conosciuto Tracy, ma… per chiedere ai figli il permesso di frequentare “la zia Robin”.
E, difatti, How I Met Your Mother si conclude com'era iniziato: Ted che si presenta sotto casa di Robin con il corno blu francese del primo episodio della prima stagione.

Pensiamo sia inutile dirlo, la delusione serpeggiata tra i fan è ed è stata tanta.Veramente tanta.
Riflettiamo: per nove anni abbiamo aspettato la “mamma” con trepidazione sempre crescente. Abbiamo visto un Ted alla costante ricerca del “vero” amore, deluso, ferito e amareggiato da tante donne diverse. E, quando finalmente lo trova, questo fantomatico “vero” amore, gli viene dedicato meno tempo e approfondimento rispetto a qualunque sua altra relazione. Insomma, ragazzi, del suo rapporto con Tracy ci vengono mostrati pochissimi – seppur significativi, e bellissimi – momenti. Era un personaggio con del potenziale, un personaggio atteso da sempre, e avrebbero potuto sfruttarla decisamente meglio. Inoltre, lo stile narrativo che da sempre contraddistingueva la serie scompare magicamente, la continuità si perde e ci si confonde.
A far storcere il naso è anche il rapporto tra Robin e Barney, che dopo l’evoluzione subita nel corso dell’intera serie viene rovinosamente distrutto per dare spazio ad una Robin rosa dai rimpianti per non aver scelto Ted quando ne aveva l’occasione e molto più insicura di quello che ci avevano mostrato.

E che ci crediate o no, per noi, il tema più Nerd "annidato" nella serie è proprio Barney, la sua meticolosità nel perseguire le ragazze e le sue fissazioni si avvicinano parecchio a quello che noi di ON intendiamo con "Nerd".  
Ma non divaghiamo: parliamo di delusioni, soprattutto, il finale vero e proprio: Ted che va a chiederle di uscire. Insomma, una cosa del genere ha senso dopo nove (nove!) stagioni? Molte cose dell’intero episodio hanno l’aria di essere messe quasi a caso, per dare un finale ad una serie che ha tirato la corda e allungato il brodo troppo a lungo.
Bays e Thomas hanno dichiarato di aver avuto in mente il finale sin dall’inizio. Ma allora, non sarebbe stato meglio concludere prima la serie, che incentrarla (in linea teorica) su un avvenimento, ovvero l’incontro con la “mamma”, che di fatto prende meno di un’ora?
Come sempre – purtroppo – in questi casi, ai fan l’ardua sentenza. 

Francesca Menta

Nella vita legge fumetti, guarda cartoni e fa altre cose noiose e banali che non vale la pena menzionare. Allenatrice di Pokémon dal 1999. A quanto pare adesso recensisce anche videogiochi, coronando il sogno di una vita: poter gridare con fare oltraggiato "Lo sto facendo per LAVORO" ogni qualvolta viene trovata di fronte ad una console.

Ti potrebbero interessare anche:

Commenti

  1. Concordo al seimila percento con l’articolo. Insomma… proprio un finale sbagliato, che va decisamente contro quello che era diventato un po’ il senso di tutta la serie fino a questo punto. Mi spiego meglio: capisco che i runner avessero l’idea fin dall’inizio. E questo poteva anche funzionare chiudendo dopo quattro o cinque anni. Ma arrivati a questo punto, dopo nove anni, la serie si è decisamente trasformata e la creatura in mano ai runner è diventata qualcosa di diverso, un po’ come un figlio, che a un certo punto segue la propria strada. I grandi sceneggiatori parlano spesso di opere che metaforicamente prendono una loro vita. Aver optato per un series finale che ovviamente attinge a idee vecchie di almeno 4 anni è stata una scelta assolutamente negativa. Come disse Sheldon “That all stinks, no wonder you got canceled”

  2. Cari amici di ON io mi trovo a approvare questo finale, certo, colpi di scena ed incrinamento della storia da come ce l’aspettavamo, certo che hanno accellerato le ultime 2 puntate dopo 21 in slowmotion che, in effetti, erano esagerate.

    Mi trovo ad accogliere queste scelte proprio perchè investire 9 stagioni per raccontare di come conobbi vs madre senza parlare di lei…beh era incoerente, stiamo parlando di T.E. Mosby, un pignolo e romantico come pochi, avrebbe mai raccontato per tanto senso una storia SENZA Tracy? Probabilmente no, il loro è stato VERO e profondo amore e ha avuto ciò che anelava(mo) da anni.

    Il famoso medaglione era l’emblema che Robin era la strada giusta (per lei), MA hanno fatto una scelta di andare avanti, e ha portato al divorzio tra barney e robin:
    “è un bellissimo matrimonio che è durato 3 anni” se non è all’avanguardia una frase come questa!!!
    Barney cambia, tutti sotto sotto lo speravamo, ogni buon nerd sotto spera di uscire dal guscio (se è autolesionistico)

    su su, i bambini piangono perchè finisce una serie e rimangono tristi

    oppure la additano…perchè tanto era acerba

  3. Io non anelavo affatto al gran cambiamento di Barney e anzi, ho trovato decisamente stucchevole, noiosa e banale come poche altre cose la scena in cui prende in braccio la bambina. Noia totale.

  4. Veramente, IMHO, una delle cose che più mi ha fatto storcere il naso è proprio il fatto che Barney alla fine NON CAMBIA PER NIENTE! Sono 4 stagioni in cui è diventato praticamente lui il protagonista della serie, e ci è stat mostrata una stupenda evoluzione del personaggio, e tutti noi – quasi tutti – facevamo il tifo per lui, che riuscisse ad uscire dal suo guscio di donnaiolo pervertito e insicuro. E grazie a Robin c’era riuscito, ed è stato un percorso lungo e difficile – ma proprio per questo avvincente – e tu me lo rovini dopo 10 minuti di puntata per far tornare le cose come avevi pensato 9 anni fa? Ma daaaaaaaaaai….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button