Cinema e Serie TV

Halle Berry rifiuta il ruolo di un uomo transgender e chiede scusa

L'attrice ha cambiato idea dopo le critiche ricevute in seguito ad un'intervista

Halle Berry, durante una live su Instagram, ha raccontato che stava per prepararsi ad un ruolo, ma che non era stata ancora scelta ufficialmente. L’attrice ha raccontato che si trattava di un uomo transgender, un ruolo che ha dichiarato di essere molto interessata ad esplorare. L’intervista ha fatto però cadere sull’attrice una pioggia di critiche per aver sbagliato più volte il genere del personaggio, riferendosi a lui come una donna, e per aver considerato di accettare questo ruolo. L’attrice ha poi chiesto scusa e ha deciso di abbandonare il ruolo, dichiarando che “la comunità transgender dovrebbe innegabilmente avere l’opportunità di raccontare le proprie storie”.

Queste, poi, le scuse di Halle Berry. “Durante il fine settimana ho avuto l’opportunità di ripensare al mio imminente ruolo come uomo transgender e vorrei scusarmi per quelle osservazioni”. Per poi aggiungere: “Come donna cisgender, ora capisco che non avrei dovuto considerare questo ruolo e che la comunità transgender dovrebbe innegabilmente avere l’opportunità di raccontare le proprie storie”. La conclusione non lascia dubbi: “Sono grata per la guida  e la conversazione critica degli ultimi giorni e continuerò ad ascoltare, educarmi e imparare da questo errore. Prometto che sarò un’alleata e userò la mia voce per promuovere una migliore rappresentazione sullo schermo, sia davanti che dietro la telecamera”.

 

Arriva anche il commento di Netflix Disclosure: Trans Lives on Screen

 

I commenti di Halle Berry hanno catturato l’attenzione dell’account Twitter del documentario di Netflix Disclosure: Trans Lives on Screen. Quest’ultimo esamina la rappresentazione di Hollywood delle persone transgender e delle loro storie. Il tweet dell’account è un invito rivolto all’attrice di guardare il documentario per “capire come attori cisgender come te che recitano in ruoli trans abbiano importanti conseguenze culturali fuori dallo schermo”. Anche l’organizzazione per i diritti LGBTQ GLAAD ha detto la sua, ringraziando l’attrice. Questo l’intervento: “Siamo lieti che Halle Berry abbia ascoltato le preoccupazioni delle persone transgender e che abbia imparato da loro”. Con la speranza che: “Altre persone potenti dovrebbero fare lo stesso. Un buon punto di partenza è guardare Disclosure per conoscere la rappresentazione trans nei media”.

Anna Montesano

Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button