News

Goonies never say ‘sequel’

Rumors rumors rumors…
In questo periodo di sequel, reboot et simila, pare che nessun film trovi salvezza e pace. Ne abbiamo già parlato in questo articolo di quanto siano una brutta idea.
Sono parecchie settimane ormai che, anche facendo finta di non vedere, continuano a saltare fuori notizie su un ipotetico Goonies 2, come in quel gioco in cui devi colpire con un martello le talpe che si affacciano dai buchi nel terreno.
Per gli sfortunati che non lo conoscono, I Goonies è una pellicola del 1985 che narra la storia di un gruppo di ragazzini alla ricerca del leggendario tesoro del pirata Willy l'orbo, che li aiuterebbe a salvare il loro quartiere. Tra gli addetti ai lavori erano coinvolti diversi nomi interessanti come Richard Donner, Chris Columbus, Steven Spielberg e Sean Austen.. per dirne alcuni.
È un film che ha affascinato ed emozionato almeno un paio di generazioni di bambini, che ci ha fatti ridere (chi non ha adorato Chunk?!) e ci ha tenuti incollati al televisore. Noi della redazione l'avremmo visto tutti almeno tre volte!
Anni fa erano serpeggiate le prime news riguardo ad un possibile seguito di questo piccolo gioiellino, che si erano chetate. Era stato creato un videogioco dalla Konami e nessuno si era lamentato.
Ora sono tornati alla riscossa, forse appunto spinti dall'ondata di film in uscita.
Donner si lascia -volutamente?- scappare che Spielberg è coinvolto, che proprio lui, anzi, ha avuto l'idea, e che il cast originale sarà sicuramente contattato.
Austin ci avrebbe scommesso e pare non veda l'ora di tornare nei panni di Mickey, sarebbe infatti un seguito a distanza di 30 anni (eh sì gli anni '80 ormai sono passati da trent'anni fa, ci stiamo sentendo vecchi). Certo non lo biasimiamo, anche noi, al suo posto, guarderemmo a quel ruolo con nostalgia  e vorremmo ritornarci.. che avventura!
Ma da pubblico ci chiediamo: “Per quale motivo? È davvero necessario?”. Esaminiamo la cosa.
La prima domanda che in realtà dobbiamo porci, che poi di base è quella fondamentale è: perché il primo film era piaciuto così tanto?
Non è propriamente una questione di trama, e solo in parte è una questione di cast… A nostro parere si può dire che si tratti di una questione di atmosfera.
Una pellicola da vedere da piccoli, quando ancora non si ha ben chiara la distinzione tra realtà e finzione, in cui ci si può baloccare nelle piccole grandi avventure, lontani da cellulari, pc e tecnologia varia… contro la quale, ovviamente, non abbiamo nulla!
Trovare una mappa in una soffitta polverosa, calarsi in un camino di un ristorante chiuso da anni, inseguiti da una famiglia di italiani mafiosi, alla ricerca di un galeone carico di ricchezze… Cos'altro si può volere?
Con onestà, senza particolari pregiudizi, ci pare un film che sta in piedi da solo, che non ha bisogno di aggiunte e che, se proprio devono essere fatte, abbiano solo il gusto di una rimpatriata.
I Goonies è un istante cristallizzato nel tempo dell'infanzia di un ragazzino, un tesoro che ci ricorda cosa vuol dire essere bambini.
Quanta malinconia può dare scoprire cosa sia diventato Mickey da grande? 
Non perché diventare adulti è sbagliato, ma perché essere adulti è il nostro presente o il nostro futuro, ma non saremo mai più bambini e un po' speravamo che loro ci avrebbero sempre ricordato com'è esserlo…
Chissà poi scopriremo che è un film stupendo e ringrazieremo chi di dovere per essere andato fino alla fine contro il parere di tutti.
Adesso non ci resta che attendere ulteriori notizie e l'esito di questo ennesimo tentativo.

Ti potrebbero interessare anche:

Commenti

  1. Un articolo davvero bellissimo, complimenti con il redattore, poichè è riuscito, secondo me, a descrivere appieno ciò che questo film ha significato per coloro che hanno avuto la fortuna di vederlo, di viverlo. Ragazzi che ora sono diventati adulti, ma che non disegnano, ancora, di vedere (e rivedere aggiungo) questa piccola perla. Ora non nascondo che sono combattuto: da una parte lo scetticismo fancullesco, la paura di vedere un’altra gloria del passato, mandata allo sfacelo, dall’altra la possibilità che invece mi o ci possano smentire. Speriamo bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button