News

GirlXBoy: si gioca coi sentimenti (IMMAGINI)

Perché non giocare un po' parlando di amori in maniera scanzonata o delicata?
Perché non giocare con un mondo, quello del manga romantico, che magari prendiamo in giro per la sua ingenuità ma può darci comunque tante perle (Honey and Clover e i lavori di Ai Yazawa per dirne una)?
Avventurieri e orrori nascosti nelle nostre città non sono di casa qui, ma Giappone e appuntamenti. 
Girl x Boy si gioca in quattro persone, in due orette ed è fatto per creare assieme commedie romantiche in stile shoujo manga. Possiamo chiamarlo 'gioco di ruolo' per il fatto che ci sono dei personaggi da interpretare e da giocare cercando di ottenere i loro obiettivi, anche se è molto minimale – ed autosufficiente in quelle poche pagine di manuale – rispetto alla norma a cui sarete abituati. Dettagli.
Il gioco di Jake Richmond, pubblicato da Coyote Press, è breve, da imparare in dieci minuti , e parla di sentimenti e leggerezza.
Siamo in Giappone, al liceo Atarashi, e si seguono le vicende di quattro personaggi. Sono pre-esistenti ma talmente sintetici da essere giusto delle linee guida che ogni persona al tavolo può riempire e giocare con gusto personale. 
Della protagonista Momoko sappiamo solo che è una ragazzina timida al primo anno delle superiori e alla ricerca del primo amore. Tra gli altri tre potrebbe esserci la persona giusta per lei: ma chi? 
Takemichi è intelligente, è il ragazzo che finirà in un'università di prestigio. Ha preso Momoko in simpatia e la saluta ogni mattina quando si incrociano in corridoio. 
Ichigo è ombroso, fa basket e i primi giorni è stato sospeso. Pare che abbia un brutto caratteraccio.
Risa, la capoclasse perfetta con un fanclub di cento persone o giù di lì. Di uno di questi, alla fine, Momoko si innamorerà.
Si gioca un appuntamento tra Momoko e ciascuno di questi personaggi, in cui si vedrà la ragazza timida interagire con l'altro (o altra)  Gli altri due giocatori controllano l'ambiente e altri personaggi che possono apparire e interagire con loro. Magari rompendogli le scatole, magari mettendoli in difficoltà. Non tanto con lo scopo di mettere nei guai il rivale, ma per creare una storia divertente assieme.
Non si fa altro che giocare questi personaggi, il pretendente che si comporta in modo dolce, gentile, brusco, strano verso Momoko e la ragazza che cerca di capire se le piace o no. Gli altri due muovono il mondo esterno in modo da mettere la ragazza davanti ad una scelta: avvicinarsi all'altra persona, anche quando potrebbe essere qualcosa di imbarazzante (parliamo di Giappone!) come prendergli la mano o fare un complimento, o rimanere fredda per non  perdere l'autocontrollo. Per esempio è capitato in gioco che Risa faccia intuire di avere un segreto che le fa male, è la scelta che è stata data è: può prenderle il viso fra le mani e chiederle preoccupata cosa c'è che non va oppure può lasciare correre. Avvicinarsi ad una persona, conoscerla meglio, spesso può essere qualcosa che ci spaventa: i semplici meccanismi del gioco favoriscono questo nella cornice della commedia sentimentale giapponese.

E' un'esperienza di gioco che chi scrive ha trovato deliziosa. Prende poco, si impara in poco, è ideale per passare una serata in compagnia a tirare fuori una storia divertente all'insegna di sentimenti leggeri e/o delicati. Qualche piccolo suggerimento? Giocarlo ad un tavolo di ragazzi e ragazze assieme, per esempio. Non farsi problemi di giocare un personaggio del sesso opposto, basta volerlo giocare senza strani stereotipi in mente. E non essere timidi (almeno da giocatori, anche se il personaggio lo é), dato che c'è poco tempo e si tratta solo di essere coinvolti e volere creare questa storia assieme agli altri.
GxB per il sottoscritto é una piacevolissima occasione per mettere assieme un po' di cose interessanti: il gioco insieme, i manga, parlare (e giocare) di sentimenti. Se questo vi intriga, anche senza aspettare la primavera e i ciliegi in fiore, l'occasione é qui.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button