Cultura e SocietàNews

In Giappone è nato un servizio per affittare gatti per qualche mese

L'iniziativa ha portato tantissime polemiche

Il 15 dicembre è stato il giorno del lancio di Neko Hodai in Giappone, che alcuni osservatori definiscono un servizio di abbonamento per gatti. In altre parole, per un canone mensile di 380 yen (US$ 2,86) puoi acquistare un gatto a tua scelta da un rifugio partecipante e anche restituire gratuitamente il suddetto gatto allo stesso o ad un altro rifugio partecipante.

Una volta diffusa la notizia del nuovo servizio, molti amanti dei gatti online sono rimasti subito sconvolti dall’idea di possedere temporaneamente un gatto e poi restituirlo, considerando un sistema del genere equiparabile ad un maltrattamento di animali. Commenti come quelli riportati di seguito sostengono che, come molti animali, i gatti subiscono una grande quantità di stress quando vengono trasferiti in un nuovo ambiente e non dovrebbero essere visti come un oggetto che può essere facilmente spedito in giro.

L’iniziativa ha portato a molte polemiche

“È disgustoso.”
“È folle.”
“I gatti possono morire per lo stress del trasloco. Questo è davvero oscuro.
“Poverini… Trattati come un oggetto.”
“È legale?”
“Ai gatti dovrebbe essere data una casa, non essere passati in giro con tutto lo stress che ne deriva.”
“Non dovresti abbonarti a un servizio per ricevere un essere vivente.”

Gran parte della rabbia è stata rivolta anche al modo in cui il servizio è commercializzato. Il nome Neko Hodai usa il termine “hodai” che si trova spesso in parole come “tabehodai” (“tutto quello che puoi mangiare”) o “nomihodai” (“tutto quello che puoi bere”). Queste offerte illimitate di cibi e bevande suscitano un senso di consumo a volontà con abbandono spericolato che è praticamente l’antitesi della premurosa proprietà di animali domestici.

Tuttavia, Nora Neko Bank, la società con sede a Tokyo che gestisce Neko Hodai, spiega sul proprio sito web che il servizio è rivolto principalmente alle persone anziane che sono in grado di fornire buone case e hanno bisogno di compagnia. In questo modo, Neko Hodai agisce come una sorta di intermediario tra proprietari e rifugi nel caso in cui un gatto improvvisamente si trovi senza più un padrone.

Oltre all’applicazione del servizio, alcuni altri online hanno sostenuto che l’abuso e l’incuria dei gatti sono avvenuti molto prima che Neko Hodai esistesse e c’è la possibilità che il servizio possa aiutare a ridurre questi problemi in generale consentendo ai proprietari inadatti di scaricare facilmente i loro gatti in modo sicuro.

I commenti a favore dell’iniziativa

“Alcune persone che non vanno d’accordo con il proprio animale domestico finiscono per abbandonarlo. Restituirli a un rifugio sembra almeno più coscienzioso.
“Essere in grado di restituirli facilmente potrebbe impedire ad alcune persone di abusare dei loro animali domestici”.
“Non ci sono abbastanza persone per prendersi cura di tutti questi gatti protetti. Questo potrebbe aiutare a togliere il peso dai rifugi”.
“La realtà è che la maggior parte di questi gatti non avrà mai una casa. E sembra che il prezzo sia così basso che non stiano cercando di trarne profitto”.

Neko Hodai non ha costi aggiuntivi per l’accettazione o la restituzione dei gatti e sono tutti sterilizzati o castrati anche a spese di Nora Neko Bank. È difficile dirlo con certezza senza dare un’occhiata più da vicino a come operano, ma sembra che Neko Hodai operi più come un servizio pubblico che come un’azienda puramente orientata al profitto.

Source
soranews24

Autore

  • Anna Montesano

    Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button