GiochiNews

Il fondatore di Games Workshop diventa Sir

Riconoscimento di prestigio per Ian Livingstone che ha vinto, in passato, anche un BAFTA Interactive Special Award

Ian Livingstone, fondatore della catena di negozi Games Workshop, con i coinquilini John Peake e Steve Jackson, è ora Sir Ian Livingstone, il destinatario di un cavalierato nella lista d’onore del nuovo anno della regina. In precedenza Livingstone è stato nominato Ufficiale dell’Ordine dell’Impero Britannico (OBE) nel 2006 New Year Honours. Poi, nel 2013, Comandante dell’Ordine dell’Impero Britannico (CBE) New Year Honors per i servizi all’industria dei giochi per computer.

La carriera di Ian Livingstone

Oltre ad essere il co-fondatore di Games Workshop, Sir Ian Livingstone è anche il co-fondatore con Steve Jackson dei libri di gioco di ruolo Fighting Fantasy. Sotto la direzione di Livingstone e Jackson, Games Workshop si è espansa da una società di vendita per corrispondenza di camere da letto a un produttore di giochi di successo e una catena di vendita al dettaglio, con il primo negozio Games Workshop aperto ad Hammersmith nel 1977.

Per pubblicizzare l’apertura, Livingstone e Jackson hanno lanciato il gioco rivista White Dwarf, con Livingstone come editore. Livingstone e Jackson hanno venduto Games Workshop nel 1991 per 10 milioni di sterline. La coppia, insieme a Bryan Ansell, ha fondato la Citadel Miniatures a Newark per realizzare miniature per i giochi. Livingstone ha anche inventato diversi giochi da tavolo, tra cui Boom Town, Judge Dredd, Automania, Legend of Zagor e Dragonmasters.

Ian Livingstone, nel 2002, vince il BAFTA Interactive Special Award

Nel 1993, Sir Ian Livingstone è diventato un importante investitore e membro del consiglio di amministrazione della società di giochi per computer Domark. Oltre che editore del simulatore di gestione del calcio originale Champion Manager. Nel 1995, Domark è acquisita dalla società di tecnologia video Eidos Interactive. Eidos, nel 2005, viene rilevata da SCi e Livingstone è l’unico ex membro del consiglio di amministrazione ad essere mantenuto, assumendo il ruolo di direttore dell’acquisizione del prodotto. Livingstone si è assicurata molti dei principali franchise della compagnia, tra cui Tomb Raider e Hitman. Nel 2009, la società di videogiochi giapponese Square Enix ha completato l’acquisizione di Eidos Interactive. Ian Livingstone viene promosso a Life President di Eidos, posizione da cui si è dimesso nel 2013.

Nel 2010 a Sir Ian Livingstone è stato chiesto di agire come Skills Champion dal ministro del governo Ed Vaizey, incaricato di produrre un rapporto sull’industria dei videogiochi nel Regno Unito. Il rapporto “NextGen”, scritto insieme ad Alex Hope della società di effetti visivi Double Negative, è pubblicato nel 2011. Livingstone lo ha descritto come una “revisione completa dal basso verso l’alto dell’intero sistema educativo relativo ai giochi”. Nel 2002, Livingstone ha vinto il BAFTA Interactive Special Award per l’eccezionale contributo al settore.

Legend of Zagor: No. 21
  • Livingstone, Ian (Autore)
Source
bleedingcool

Autore

  • Anna Montesano

    Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button