AttualitàCultura e SocietàNews

Una petizione per incentivare l’educazione sessuale a scuola

La proposta parte da Roma e il Lazio ma arriva anche online

Sebbene su Netflix si trovino serie che parlano in maniera schietta e moderna di educazione sessuale come Big Mouth e Sex Education, le scuole italiane non sempre sono altrettanto al passo coi tempi. Per questo motivo la petizione su Change per un percorso scolastico su sessualità, affettività e parità di genere ha un peso importante. L’educazione sentimentale e sessuale dei ragazzi deve trovare il proprio posto a scuola, lo streaming non può bastare.

Educazione sentimentale e sessuale a scuola: ecco la petizione

Insieme a Bulgaria, Cipro, Lituania, Polonia e Romania, l’Italia è uno degli ultimi Paesi UE dove l’insegnamento dell’educazione sessuale non è obbligatorio. Eppure basterebbe farsi un giro su qualsiasi piattaforma in streaming, podcast o contenuto online per capire che l’esigenza di parlare e confrontarsi per i ragazzi c’è, eccome.

Un’eduzione sentimentale e sessuale a scuola, se ben fatta, permette agli adolescenti di confrontarsi su temi importanti per il loro sviluppo personale, affettivo e sociale. Aiutandoli a non sentirsi soli in questo passaggio, permettendo di rompere tabù e preconcetti. Temi fondamentali per lo sviluppo dei ragazzi, che fanno parte dell’educazione dell’individuo. Netflix non può sostituire un percorso ben fatto a scuola, non importa quanti esperti chiamino per confrontarsi sui temi delle serie in streaming.

educazione sessuale scuola

Per questo motivo su Change.org Flavia Restivo, Andrea Giorgini e Isabella Borrelli hanno lanciato una petizione verso il Comune di Roma e la Regione Lazio. Si chiedono due obiettivi diretti:

  • L’introduzione di una formazione obbligatoria nelle scuole superiori della città di Roma e della Regione Lazio, istituendo una Giornata dedicata all’educazione sessuale-affettiva
  • La creazione di uno spazio online permanente curato da psicologi, divulgatori, sessuologi ed altri esperti del settore che risulti accessibile a studenti, famiglie e professori da ogni dispositivo

Questo permette di accompagnare meglio i ragazzi nel loro sviluppo. Ma aiuta anche la società in generale a progredire. Come dice chi ha organizzato la petizione su Change, “Una società più inclusiva e più progressista si costruisce a partire dagli adulti di domani“. Firmando la petizione, potete anche voi fare la vostra parte.

Source
Change.org

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button