Letteratura e fumettiNews

Dragon Ball GT, in fumetteria arriva la Saga dei Draghi Malvagi

Per la prima volta arriva anche nei fumetti la versione di Goku Super Sayan di quarto livello

Dragon Ball GT – La Saga dei Draghi Malvagi arriva per la prima volta in fumetteria, mostrando la versione di Goku Super Sayan di quarto livello per la prima volta su carta stampata. La saga nata per la TV ora prende forma cartacea, raccontando le avventure di un Goku tornato bambino per colpa di un fraintendimento con le Sfere del Drago.

Dragon Ball GT Anime Comics – La Saga dei Draghi Malvagi

Pilaf, il cattivo della prima serie di Dragon Ball rincontra Goku ora che è un fortissimo adulto, capace di diventare Super Sayan e sconfiggere qualsiasi nemico. Quando commenta dicendo “Se tu fossi un moccioso, ti farei mangiare la polvere e poi ti calpesterei fino a ridurti a una sottiletta…”, il Drago Shenlong scambia la sua rabbia per un desiderio. Trasforma Goku in un bambino, dando il via a una serie di avventure in giro per lo spazio alla ricerca delle Sfere del Drago Speciali.

Ma la sfida più grande arriva quando Goku e compagni si rendono conto di aver sovraccaricato le Sfere del Drago, dando vita ai Draghi Malvagi. La loro negatività può addirittura distruggere il pianeta Terra. Ma Goku e i suoi amici sono pronti ad affrontarli. Anche a costo di diventare Super Sayan di quarto livello.

db-gt-draghimalvagi

Una storia inedita nel mondo dei fumetti

Le storie di GT sono state create direttamente per la TV, senza mai essere un fumetto. Oggi la storia di Akira Toriyama prende invece forma cartacea grazie al novo progetto di Star Comics, Dragon Ball GT Anime Comics. Un passaggio dall’anime al manga, per raccontare le avventure di Goku tornato bambino.

Il primo volume di Dragon Ball GT Anime Comics – La Saga dei Draghi Malvagi arriva in edicola, fumetteria e libreria per 6,90 euro (il volume ha 224pagine). Potete anche trovarli sul sito di Star Comics. Che sta rivoluzionando la sua identità editoriale, moltiplicandosi in due, come vi spieghiamo in quest’articolo.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button