Cinema e Serie TVLetteratura e fumettiNews

Debutta la serie live action de L’uomo che cammina di Jiro Taniguchi

Approderà ad aprile sugli schermi giapponesi

Domenica 5 aprile debutterà sugli schermi nipponici una serie live action ispirata a L’uomo che cammina. Scritto e disegnato Jiro Taniguchi, il manga è stato realizzato agli inizi degli anni ’90 dal compianto mangaka, apprezzato e conosciuto in tutto il mondo.

Il racconto de L’uomo che cammina vede come protagonista un uomo che, appena trasferitosi in una nuova casa, passeggia alla scoperta dei dintorni cittadini. Una storia che verte sull’apprezzamento di ciò che ci circonda e delle piccole gioie quotidiane. Vagando per l’abitato, il nostro protagonista troverà pace nella tranquillità e nelle bellezze della natura.

Il manga di Jiro Taniguchi è fra i più conosciuti e apprezzati del mangaka grazie alla sua semplice profondità di linguaggio e immagini. Un viaggio minimale, in cui i dialoghi sono quasi assenti e dove i pensieri del protagonista anche grazie a sguardi e gesti. Una storia in cui il protagonista lascia la propria abitazione “per fare una passeggiata”, andando di fatto alla scoperta di un mondo ricco di sorprese. Una realtà che se guardata con occhi attenti saprà regalare ricordi preziosi.

Jiro Taniguchi è stato considerato “il più europeo tra i mangaka” per via di uno stile narrativo molto simile a quello degli artisti europei. Oltre che in Giappone ha prodotto le sue opere anche direttamente per il mercato francese, ottenendo nel 2011 l’investitura a Cavaliere de l’Ordre des arts et des lettres  da parte del Ministero della Cultura francese. Lo stesso anno è ospite di Lucca Comics & Games. I suoi lavori sono pubblicati in Italia da diversi editori, i cui principali sono Panini Comics, Coconino Press e Rizzoli Lizard.

Mattia De Poi

Anche conosciuto come Il Nini, Mattia è il lato gioioso di Orgoglio Nerd. Biondo e curioso, è appassionato di ogni genere fumettistico, Gunpla e avventure. Portatelo in viaggio, all'organizzazione ci penserà lui.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button