News

Top 6 (+1): i supercriminali dell’alimentazione

Una delle verità che qualsiasi sportivo ben conosce è quanto l’alimentazione giochi un ruolo chiave nel risultato delle proprie prestazioni. Qualsiasi sport si pratichi infatti non si arriverà mai al 100% della condizione solo con ore di duro allenamento. Non importa quanto sudore, sangue o lacrime si versino se non si ha in corpo il giusto carburante.
Il binomio macchina-uomo è quello più largamente diffuso tra i nutrizionisti, personal trainer e dottori per far capire che se si mangia spazzatura non si produrrà mai energia di qualità. Ed è una verità universale, sportivi e non; il corpo è plasmato da ogni singolo alimento che vi entra.
Ippocrate nel 300 a.C. sentenziò così la massima, guida del campo anche tutt’oggi: “Se fossimo in grado di somministrare la giusta dose di nutrimento e attività fisica, avremmo trovato la strada della salute.”
Però poi a queste parole ideali subentra la realtà e non sempre, anche se i propositi sono dei migliori, si riesce a mangiare come si vorrebbe. Si parte bene il lunedì e pian piano che ci si avvicina alla domenica le voci tentatrici aumentano non lasciandoti scampo e mettendo in pratica il loro terribile piano di distruzione.
Tranquilli, lo scopo di quest’articolo non è un’analisi di una corretta alimentazione (per questo il web è stracolmo di esperti/pagine/opinioni) e nemmeno quello di farvi sentire in colpa ma semplicemente quello di stilare una lista dei sette cibi sconsigliati per il nostro organismo paragonando ognuno ad un supercriminale del mondo fumettistico.
Perché a pensarci bene alla fine entrambi svolgono la stessa funzione: attirano la tua attenzione, ti blandiscono con false promesse e poi, quando ormai sei stato fatto prigioniero, presentano il conto. Alcuni arrivano addirittura a prendersi la tua vita.
In questa lista non c’è nulla di nuovo o rivoluzionario che già la classica cultura popolare non sappia quindi godetevela in tranquillità e allegria.
{Loki – Sottilette e formaggini vari} : molto spesso questi squisiti quadrati gialli da toast nascondono un segreto ben peggiore di ciò che mostra l’etichetta. Senza dover andare a scavare nei complotti sulla loro creazione, questi prodotti sono creati industrialmente con un mix di additivi, conservanti, emulsionanti e grassi da latte che non giovano sicuramente al fisico eppure assumono un aspetto così innocuo. Questa loro capacità di apparire per ciò che non sono gli conferisce il titolo di Dio dell’Inganno del settore alimentare.

{Abominio – Wurstel, salumi e insaccati lavorati} : non è più un segreto che divorare e trangugiare carne a volontà possa portare ad affrontare conseguenze piuttosto spiacevoli per l’organismo. Andare oltre le dosi consigliate di carne rossa o carni lavorate può alzare di molto il rischio di cancro senza possibilità di tornare indietro. Per questo motivo ci sentiamo di accostare questa branca di alimenti ad Emil Blonsky, anche lui consapevole della pericolosità dei raggi gamma, ma fregatosene altamente e così diventato Abominio.
{Wilson Fisk – Bevande alcooliche} : eleganti, distinte, con classe ma pericolose. Tutti sanno che possono solo peggiorare la situazione eppure quando siamo in difficoltà un bicchiere non lo rifiutiamo mai. Le bevande alcooliche sono dannose a diversi livelli dell’organismo e in quantità elevate ti stringono nella catena della dipendenza, come un boss del crimine che ti manipola senza remore. Per questa loro capacità, pragmatica e cinica, non possiamo che affibbiargli il titolo di Wilson Fisk, il boss del crimine per eccellenza.

{Darkseid – Bibite gassate} : antica e potente è la ricetta della prima bibita gassata da cui poi sono derivate tutte le discendenze che abbiamo oggi. Le bibite gassate contengono un’elevata quantità di zuccheri che vanno ben oltre la dose giornaliera raccomandata e, non solo favoriscono l’ammasso di grasso corporeo ma generano anche altro bisogno di zuccheri in un circolo continuo con tutti i rischi legati. Per il modo subdolo di agire e per il loro incontrastato potere ricevono il titolo del Tiranno di Apokolips.

{Ra’s al Ghul – Bibite gassate dietetiche} : ti urlano di essere la soluzione finale a tutti i tuoi problemi per unire sapore e giro vita ma è tutto uno specchietto per le allodole. Per compensare la mancanza di grassi, il sapore è compensato con l’aggiunta di zuccheri ritornando nel pericoloso circolo vizioso di prima. Proprio per questa loro capacità di mostrarsi integerrimi al male e alla corruzione adottando metodi di “sterminio” senza scrupoli non possiamo che paragonarli alla Lega degli Assassini e al loro capo, Ra’s al Ghul. 
{Red Skull – Pop corn} : calorici, ricchi di grassi saturi e navigati in quantità di burro che li rendono tra i più pericolosi nemici di una sana alimentazione. Un sacchetto può portare più danni in un pasto in fast food eppure ogni volta che ne sentiamo l’odore, che sia al cinema o a casa, la nostra volontà vacilla e molte volte cede. E’ il classico nemico che puntualmente torna a tentare ed è per questo che ha meritato il titolo di Teschio Rosso.

{Doomsday – Patatine fritte} : se con i pop corn la possibilità di essere tentati era dieci, con le patatine fritte questa sale a dismisura. Sono il braccio armato dei grassi e delle calorie eppure non possono fare altrimenti se non essere così gustose e dannatamente invitanti. Ad ogni nostro rifiuto esse tornano più potenti di prima a cercare di far vacillare la nostra volontà. Annegate nell’oceano d’olio, che è allo stesso tempo benedizione e maledizione, diventano una forza della natura e a nulla varranno le nostre resistenze dopo averne percepito l’odore invitante. Le patatine fritte sono il classico nemico ma molto più forte e sappiamo tutti che un giorno cederemo, perciò vincono il titolo di Doomsday, la Creatura dell’Armageddon.

Mattia Russo

Laureato in Comunicazione, Marketing e Pubblicità per farla breve, e aspirante giornalista. Curioso per natura, dalla vena impicciona, tendo a leggere qualsiasi cosa, con un'inclinazione al fantasy. Non sono uno che ama i silenzi e parlo troppo. Pace.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button