Intrattenimento

Blade: Wesley Snipes commenta il reboot della Marvel

Un nuovo volto per il Diurno

Una delle tante notizie succulenti trapelate dal San Diego Comic-Con di quest’anno ruguarda il reboot del film Blade da parte della Marvel. Ma stavolta Wesley Snipes non è stato convocato, e a ricoprire il ruolo del metà umano e metà vampiro sarà Mahershala Alì (Green Book).

Blade, il commento di Wesley Snipes

Wesley Snipes, che ha interpretato il ruolo di Blade nelle tre pellicole antecedenti a questo nuovo reboot, non è per niente stupito della sua mancata convocazione; infatti, durante un’intervista rilasciata a Comicbooc ha commentato la notizia:

‘A tutti i “diurni” che hanno perso la testa  fino ad ora, posso dire di rilassarsi. Anche se la notizia arriva in maniera sorprendente, va tutto bene. Il mondo del business e dell’entertainment funziona così. Voglio fare le mie congratulazioni a Mahershala Alì, un fantastico e talentuoso attore che non vedo l’ora di vedere alla prova nei prossimi anni. Lavoreremo insieme prima o poi. Ed ai miei grandi e devoti fan vorrei dire che la vortra dimostrazione di affetto è stata enorme. E non preoccupatevi, questa non è la fine della storia’.

Successivamente ha rilasciato un commento su twitter:

‘VAMPIRE BREAKING NEWS!

Messaggio dal DIURNO…

Hey MCU, non ci eravamo già passati su questa strada? Aye yah, qualche figlio di puttana cerca sempre di pattinare in salita …hahaha’

Oltre alla presenza di Mahershala Alì, non sono trapelate molte notizie riguardanti il reboot.

Eric Brooks, alias Blade, è un personaggio del 1973 creato da Marv Wolfman e Gene Colan. Nonostante sia nato come personaggio dei fumetti, il suo picco di notorietà lo ha raggiunto nelle trasposizioni cinematografiche, tanto da far riadattare i fumetti alla versione di Blade presente nel film.

Nonostante Wesley Snipes non interpreti più il protagonista della saga, le ipotesi dei fan di poterlo veder partecipare nel prossimo film non sono del tutto escluse.

Enrico Natalini

il suo DNA è composto al 100% di cultura trash e underground. Che siano libri, film, fumetti, serie tv, spettacoli teatrali, mostre o televendite è un segugio per tutte quelle chicche che sopravvivono all'insaputa del mainstream. Di lui dicono che è come un cartone animato, non ha capito bene se sia un complimento o meno, ma a lui piace.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button