Cinema e Serie TVFeatured

Bill Burr difende Gina Carano: “Una persona super gentile”

Il comico ha indossato i panni di Migs Mayfield in The Mandalorian

Il comico statunitense Bill Burr, in un recente episodio del suo podcast The Bill Bert Podcast con Bert Kreischer, ha difeso la collega in The Mandalorian Gina Carano. Nella serie Disney+, Burr interpreta Migs Mayfield, un cacciatore di taglie. Gina Carano, invece, è stata licenziata dalla Disney per alcune sue dichiarazioni che hanno fatto molto discutere.

Le parole di Bill Burr

Queste le parole di Bill Burr su Gina Carano: “[Gina] Era un vero tesoro. Assolutamente una bellissima persona”. Per poi aggiungere: “E sapete, ad ogni modo, in qualche modo qualcuno prenderà questo video e mi farà dire qualcos’altro per cercare di sbarazzarsi dellla mia action figure calva!” Il comico si riferisce al fatto che la Hasbro ha cancellato anche la action figure di Cara Dune di Carano. Il produttore di giocattoli non ha ancora creato nessuna figura di Mayfield.

Bill Burr, oltre a difendere Gina Carano, ha continuato la sua analisi spiegando perchè non condivide la cultura della cancellazione. “Ci sono anche io in quel f****to show. Ora devo stare attento a quel che dico. […] Com’è là fuori, sono tempi assurdi”, ha dichiarato. E ancora: “C’è gente che aspetta, che giace tra le erbacce. […] Mostriamo che è umano, e che ha commesso un errore in passato e portare via quel sogno. […] Come ti permetti di giudicare qualcuno così duramente?” Secondo il comico: “Non stiamo parlando di qualcosa di gravissimo come una violenza sessuale, uno stupro o cose del genere. Non stiamo parlando di questo”. Per poi concludere: “Ora sta diventando, come, ‘Hey hai fatto un paragone ignorante. Ecco distrutto il tuo sogno.’ Lo guardo e dico: ‘Chi è che combatte queste cose?”

Anna Montesano

Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button