News

Battlevacch: sfida all'ultima Mucca!

In principio Dio creò il cielo, la terra e… le mucche. Dopo averli plasmati, l’Onnipotente sistemò Adamo ed Eva nel Pascolo dell’Eden. Tuttavia, c’era un problema: Adamo ed Eva continuavano a calpestare qualcosa di spiacevole. Così Dio li trasferì nel Giardino dell’Eden e la vita proseguì.
L’introduzione promette già bene, ma sarà proseguendo nelle pagine del manuale di Battlevacch che vi renderete conto di avere tra le mani un piccolo gioiello. Edito in Italia nel lontano 1997 dalla genovese Oberon Games, Battlevacch ha in se elementi del GdR ma anche dello skirmish. Insomma un prodotto davvero particolare.
Ma in cosa consiste questo gioco? Beh è presto detto: anzitutto i giocatori hanno a loro disposizione un budget iniziale con cui acquistare la propria Mucca. Ne esistono di diversi tipi, ciascuna con diverse caratteristiche e diverso costo.  Dalla Bruno-Alpina alla Rossa Norvegese, passando per la Angus e la Caracu. Ciascuna specie ha una diversa velocità, può o meno essere dotata di corna, ed ha dimensioni diverse. 
Ovviamente, a seconda della dimensione della specie scelta, la vostra Mucca avrà diverse capacità di carico, ovvero il numero massimo di kg di equipaggiamento che potrà trasportare. Questo valore è importante perché in base a quanti soldi vi saranno avanzati, potrete acquistare equipaggiamento per la vostra Mucca, che ovviamente sarà limitata dalla sua capacità di carico. 
Ed anche qui c’è da sbizzarrirsi: l’equipaggiamento si divide in tre categorie. Si inizia con le armi, dove potrete trovare granate, lanciafiamme, mitragliatrici Vulcan, perfino Laser!
A seguire potrete scegliere se prendere un’armatura, scegliendo tra diversi materiali: Plastica, Kevlar, Titanio, Adamantio,…
Infine, la sezione più corposa è quella delle migliorie, che comprende sia oggetti (zampe bioniche, corna esplosive e molto altro), sia aumenti di caratteristiche (come ‘Amplificatore visivo, i Riflessi aumentati o la Quinta Gamba…). 
Una volta finito di equipaggiare la vostra Mucca avrete a disposizione un manzo da battaglia, attrezzato di tutto punto. Ed ora che si fa? Ovviamente si combatte! Ciascun giocatore porta in campo la propria Mucca ed utilizzando il proprio equipaggiamento, darà il via ad uno scontro titanico con l’obiettivo di essere l’ultima a sopravvivere.  Ne resterà soltanto una, ed il padrone di quella Mucca si aggiudicherà un premio in denaro con cui riparare le armature, guarire la propria Mucca ed acquistare nuovi equipaggiamenti.
Il gioco può essere svolto in una singola serata, come one shot, oppure con la modalità “nella vecchia fattoria”: una sorta di campionato dove il premio in denaro viene assegnato proporzionalmente a primo, secondo e terzo classificato, permettendo una vera e propria sfida al migliore esercito di Mucche.
Ovviamente si tratta di un GdR molto canzonatorio. Se state cercando un’esperienza immersiva, carica di pathos e con una profonda storia alle spalle, non cimentatevi nemmeno con Battlevacch. Se invece volete farvi qualche risata in compagnia di amici, se cercate una pausa tra le varie campagne in corso o se volete far provare qualcosa di diverso ai vostri conoscenti, questo gioco può fare per voi. 

Alessio Riccardi

Amante di giochi da tavolo, giocatore di Magic della prima ora, divoratore compulsivo di mostre. Se c'è un gioco da tavolo nelle sue vicinanze, probabilmente vi inviterà a fare una partita insieme!

Ti potrebbero interessare anche:

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button