GiochiGiochi da tavolo

RisiKo! incontra Batman, com’è andata? | Recensione

Abbiamo provato la versione dello storico gioco da tavolo dedicata al Cavaliere Oscuro e ai suoi nemici

Uno dei supereroi più amati di sempre e uno dei giochi da tavolo più celebri di tutti i tempi si sono finalmente incontrati. Fra poche settimane infatti Batman debutterà nel mondo di RisiKo!, con una versione di questo boardgame ambientata a Gotham City. Una rilettura in chiave fumettistica di uno dei pilastri del gioco da tavolo, che gli appassionati da una parte e dall’altra non vedono l’ora di scoprire. Noi l’abbiamo già provato e siamo pronti a raccontarvi le nostre impressioni.

Batman e RisiKo!, una sfida per il controllo di Gotham City

Al contrario di altre edizioni tematizzate di giochi da tavolo, questo non è un semplice ‘reskin’ in salsa supereroistica del celebre titolo ma una vera propria nuova versione, ricreata appositamente. Restano alcune delle meccaniche fondamentali di RisiKo!, ma a queste se ne aggiungono di nuove, chiamate a vivacizzare le partite e adattandole al mondo del Cavaliere Oscuro.

In questo gioco ci troviamo a interpretare gli avversari del supereroe. Il titolo prevede fino a un massimo di quattro giocatori, che possono però scegliere fra sei dei villain più iconici di Gotham City: Bane, Joker, Catwoman, Mr. Freeze, L’Enigmista e Harley Quinn.

Questo è un primo elemento di novità rispetto alla versione classica di RisiKo!. Ogni villain infatti avrà un Piano Criminale da realizzare, sviluppato in diverse missioni (come prendere il controllo di specifici territori o fare determinati risultati con i dadi). Raggiungere un certo numero di obiettivi attiverà i poteri speciali del personaggio, dando al giocatore diversi vantaggi durante il resto della partita.

Chiaramente mentre i villain si contendono i distretti di Gotham City (seguendo la tradizionale meccanica del lancio di dadi del RisiKo!) il nostro eroe non sta con le mani in mano. Quando durante un turno escono cinque 1 dai tiri, Batman entra in azione, liberando uno o più territori sulla plancia e portando un po’ di scompiglio nella lotta per il controllo della metropoli. Soprattutto nelle fasi iniziali non sarà facile vederlo attaccare, ma sarà sempre una bella emozione vederlo scendere in picchiata sui nostri avversari. Sarà meno piacevole quando toccherà a noi affrontare il Cavaliere Oscuro, ma è anche questo parte della sfida.

Un’avventura tra le strade di Gotham City

batman risiko recensione

Un primo aspetto che colpisce questo titolo è la capacità di ricostruire le ambientazioni delle avventure di Batman in maniera semplice ma efficace. Gli appassionati dei fumetti DC Comics riconosceranno subito alcuni luoghi iconici della città tra i distretti. Dal Penitenziario di Blackgate al Manicomio di Arkham, dal Wanye Manor alla Centrale di Polizia, passando per il Casinò e Lounge Iceberg e la famigerata Crime Alley o la Ace Chemicals, ci sono tanti riferimenti da cogliere.

Altrettanto interessante è l’aggiunta di una caratterizzazione per i giocatori, tramite le carte personaggio. Interpretare i diversi villain di Gotham City è coinvolgente e aggiunge varietà al gameplay. Si tratta di una meccanica affascinante, che potrebbe risultare chiave al momento giusto grazie ai poteri speciali, spingendo un giocatore in avanti per recuperare terreno e spodestare il temporaneo Boss della metropoli.

Una funzione simile, ma ancora più in grande, la svolge Batman: la sua capacità di attaccare un qualsiasi distretto con un concreto vantaggio ai tiri può sbloccare la situazione. Un suo intervento può togliere a un giocatore il controllo di un Settore (equivalenti ai Continenti del RisiKo! classico), eliminando almeno per un turno il suo bonus. Potenzialmente l’intervento dell’eroe può davvero cambiare la partita. O meglio, dovrebbe, ma questo lo vedremo dopo.

Apprezzabile anche la totale revisione delle condizioni di vittoria. Oltre che con la conquista di tutta Gotham, si può portare a casa la partita completando uno di tre obiettivi, comuni a tutti i partecipanti. Tuttavia, ogni volta che un impero criminale viene sconfitto definitivamente, il giocatore che ha compiuto l’impresa può scegliere di eliminare una delle condizioni. Questo introduce un ulteriore elemento di strategia, offrendo nuove possibilità di bloccare una vittoria.

Batman RisiKo! d’altro canto ha qualche difetto

batman risiko recensione

Ci sono quindi tanti elementi interessanti in questo titolo, tuttavia non fila liscio come dovrebbe. Un primo problema si riscontra nel terreno di gioco. I distretti sono poco collegati tra loro, in molti hanno solo due territori confinanti e uno addirittura uno solo. Questo rende molto facile per i giocatori creare delle vere e proprie roccheforti, difficili da espugnare per cambiare le sorti della partita.

Un altro problema, strettamente tecnico, riguarda le truppe. È davvero apprezzabile la qualità delle miniature, semplici ma al contempo dettagliate. Tuttavia sono indubbiamente troppo poche. Si parla di circa un centinaio di unità a giocatore, contro le oltre 300 del gioco originale e nelle fasi finali questo si fa sentire. Inoltre la distribuzione in tre classi di truppe rende necessari numerosi cambi delle pedine in campo, rallentando il gioco e creando confusione.

Non ci sentiamo invece di bocciare del tutto la nuova meccanica delle Carte Distretto/Territorio. La distinzione tra i vari tris (che ora valgono tutti allo stesso modo) è sostituita da un premio crescente con l’avanzare della partita. Una variazione che indubbiamente farà storcere il naso agli amanti del classico gioco ma che presenta anche lati positivi. Richiede un adattamento della strategia che potrebbe avere risvolti interessanti, tuttavia il rischio è avvantaggiare sempre più chi è già in testa.

Un problema che si riscontra anche con la meccanica di Batman. Avere più territori e truppe significa più lanci di dadi e quindi più possibilità di ‘attivare’ il Crociato Incappucciato. Questo significa che uno strumento che poteva servire a riequilibrare la partita si ritrova viceversa a rafforzare la situazione sul campo.

Batman RisiKo! ha del gran potenziale

batman risiko recensione

A conti fatti questa nuova edizione di un classico è assolutamente da promuovere per quanto riguarda la tematizzazione. È assolutamente apprezzabile il desiderio di voler rivisitare il gioco, andando oltre un semplice cambio di nomi e portandoci direttamente nelle atmosfere dei fumetti. Per un appassionato del mondo di Batman questo RisiKo! sarà un’esperienza decisamente coinvolgente.

Per quanto riguarda le meccaniche nello specifico, ci sono aspetti che lasciano a desiderare. Nulla però che non si possa risolvere con un po’ di adattamento. Introducendo qualche regola casalinga e andando ad attingere dalla propria versione classica di RisiKo! per un po’ di pedine extra, si può sbloccare il potenziale di questo titolo anche oltre la semplice avventura per le strade di Gotham City.

Spin Master- Editrice Giochi, Risiko! BATMAN DC, Gioco di Strategia, Gioco da Tavolo, dagli 10 anni in su,
  • Scegliete uno dei 6 Super Criminali più pericolosi di Gotham City, prendete le vostre carte distretto, studiate il vostro Piano Criminale, disponete le vostre armate strategicamente e in fine lanciate i dadi attacco per eliminare i vostri avversari e vincere!
  • Al vostro tuno lanciate i dadi attacco e cercate di attivare Batman per ottenere poteri speciali e sconfiggere i vostri avversari, con l'obiettivo di dominare la città!
  • La confezione contiene 1 plancia raffigurante la città di Gotham City suddivisa in distretti, 3 dadi attacco, 3 dadi difesa, 4 armate di diversi colori, 1 Batman in miniatura, 5 gettoni icona Batman, 102 carte, Istruzioni

Mattia Chiappani

Ama il cinema in ogni sua forma e cova in segreto il sogno di vincere un Premio Oscar per la Miglior Sceneggiatura. Nel frattempo assaggia ogni pietanza disponibile sulla grande tavolata dell'intrattenimento dalle serie TV ai fumetti, passando per musica e libri. Un riflesso condizionato lo porta a scattare un selfie ogni volta che ha una fotocamera per le mani. Gli scienziati stanno ancora cercando una spiegazione a questo fenomeno.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button