News

Alla pugna per lo diletto di tutti

Chi l'ha mai detto che un Nerd non debba fare attività fisica? In particolar modo se questa attività fisica è  già di per se stessa un po' Nerd? Come sapete noi ci vogliamo allontanare dai luoghi comuni legati alla nostra cultura.
Abbiamo incontrato la Compagnia di Ventura Ignis Lunae che ci ha fatto partecipare a una lezione di scherma antica, per la precisione di scherma medievale.
In realtà giochiamo in casa, perché alcuni redattori di Orgoglio Nerd fanno già questo tipo di attività, mentre altri ancora sono LARPer, dunque non sono totalmente estranei all'ambito del combattimento. Tutti gli schermidori e rievocatori  ci stanno già guardando molto male, ma fermi! Non infiammatevi subito!  Sappiamo bene che non possiamo confondere il LARP con la rievocazione storica e la scherma medievale. –  E adesso  ci guarderanno male anche i LARPer – 
Entrando nell'argomento, scopriamo che non esiste un solo stile di combattimento, di abbigliamento o di tipologie di armi, ma a seconda del periodo temporale scelto, vi sono determinate regole da seguire. Quello della Compagnia Ignis Lunae si aggira attorno al XV secolo, e in questo periodo si combatteva in un particolare modo e ci si abbigliava, sempre, secondo determinati canoni.  La fedeltà della ricostruzione storica va dunque ricercata anche oltre il "semplice" combattimento, infatti in quanto Compagnia collocata geograficamente nella Lomellina, gli abiti che indossano, vengono confezionati tenendo conto delle possibilità e delle tecniche sartoriali presenti, appunto, in Lomellina attorno al 1400.
Ma parliamo di sport. Il combattimento, o meglio, l'allenamento, o meglio ancora, l'addestramento a cui questi ragazzi si sottopongono, non ha niente a che vedere con la Tana delle Tigri e viene essenzialmente diviso in tre categorie: uno per uomini minuti e agili, le Ombre; uno per uomini grossi e forti, le Colonne; uno per le fanciulle aggraziate e letali, le Amazzoni. Perché sì. Anche le ragazze possono combattere, non si tratta di anti-storicità, ma qualcosa testimoniato da scritti e dipinti dell'epoca.
Ognuna di queste categorie ha una parte di addestramento specifica al proprio ruolo e una in comune con le altre. Per rendere meglio l'idea: le Ombre si prodigano nel diventare come Ezio Auditore, le Colonne fanno un addestramento simile a quello dei giocatori di rugby, e infine le fanciulle si dilettano nel combattere con estrema eleganza e usando qualsiasi "trucco" con  calci, schivate, parate e agganci. 
Un altro tratto caratteristico del combattimento messo in pratica dalla Compagnia di Ventura Ignis Lunae è la tipologia preferita, ovvero "in camicia". In camicia perché il combattimento non prevede l'utilizzo di protezioni (eccetto sul volto e sulle mani), ossia di un'armatura, e  questo porta a conoscere in maniera differente la propria arma (o le proprie armi), che non vengono più utilizzate solo per attaccare l'avversario ma anche (e soprattutto) per difendersi da esso. La scelta di combattere in camicia può sembrare pericolosa, e naturalmente lo è, ma il suo senso è di apprendere con precisione come e dove colpire; conseguente è anche l' imparare a fermare il colpo e a fidarsi dei propri compagni di clan, che pure in veste di nemici, sono tutti parte di una stessa squadra. Come abbiamo detto, la tipologia preferita è quella in camicia, ma i più abili e addestrati si allenano anche con armatura perché in grado di reggere la fatica che comporta indossarla e  abbastanza esperti da riuscire ad applicare movimenti e tecniche tali non ridurre il duello a un mero scambio di attacchi tutti uguali a causa della difficoltà di movimento causata dal peso dell'armatura. 
Ma la pratica non è tutto e dunque i nostri guerrieri si esercitano anche nelle conoscenze più teoriche delle "poste", ovvero le posizioni di attacco, difesa o guardia che si possono applicare; imparano a esprimersi seguendo la nomenclatura dell'epoca  e addirittura sono in grado di fabbricare parti del loro abbigliamento in tessuto, cuoio o metallo. 
Magari vi scoprirete non idonei a maneggiare l'Ammazzadraghi di Gatsu come credevate o dovrete ammettere che  lo stile di Inigo Montoya non è roba vostra ma un Nerd sa adattarsi per sopravvivere, puntare tutto sulle proprie qualità e rafforzare i suoi punti deboli per continuare il lungo viaggio per scoprire se stesso, perchè no, magari anche attraverso un'arma bianca.

Ti potrebbero interessare anche:

Un commento

  1. Vi dirò, se siete interessati alla scherma storica, andate a cercare una sala d’arme della Achille Marozzo il più possibile vicina alla vostra città. In italia è pieno! Facciamo scherma storica seguendo i trattati antichi e ci alleniamo di conseguenza! Ma ancor di più è una grande famiglia dove ci si prende a mazzate e ci si diverte 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button