News

Alistair Smythe: da Ammazzaragni a boss antipatico

Se c’è una cosa che a The Amazing Spider-Man: Il Potere di Electro non manca sono i villain: Electro, Green-Goblin e (in una apparizione semi-lampo) Rhino si contendono lo schermo, ma non è tutto. Ne abbiamo parlato qui, e anche qui.
Nella penombra, passato inosservato da praticamente tutti, un altro villain caro ai lettori Marvel fa la sua comparsa oltre all'avvoltoio. Ricordate quell'antipatico snobbone che obbliga Max Dillon a lavorare oltre l’orario consueto nel giorno del suo compleanno, spingendolo a sfortunate conseguenze che non specificheremo? Vi presentiamo Alistair Smythe, interpretato da B.J. Novak e anche conosciuto come l'Ammazzaragni Definitivo nei fumetti di Marvel. Quando la sua presenza nel film è stata annunciata  in molti si aspettavano un ruolo decisivo nell'aumento della malvagità generale, mentre invece la sua apparizione sembra ridursi quasi ad un “cameo”. Tuttavia questa comparsa potrebbe essere soltanto il trampolino di lancio per un ruolo da vero villain in un futuro film, e se così fosse forse vale la pena sapere qualcosa di più, o rinfrescarsi la memoria,  su questo Alistair Smythe. 
Alistair fa la sua prima apparizione fumettistica nell'85 in Amazing Spider-Man Annual #19, come il figlio del geniale inventore Spencer Smythe che, dopo aver letto gli articoli avversi all'Uomo Ragno di J. Jonah Jameson, aveva costruito una serie di robot con il solo scopo di distruggerlo, gli Ammazzaragni. Poco prima della morte del padre Alistair eredita da lui tutte le nozioni di robotica e gli anni di ricerca da lui compiuti, nonché l’odio per Spider-Man. Dotato di grande intelligenza, continua quindi l’attività di Spencer, costruendo Ammazzaragni sempre più sofisticati ed temibili con artigli affilatissimi, code velenose e zanne appuntite, ma nessuno di questi riesce nell'intento di uccidere Parker, e i vari tentativi portano Smythe a numerose sconfitte e a perdere l’uso delle gambe. Appurata l’inefficacia dei suoi Ammazzaragni e determinato a sconfiggere Spider-Man ad ogni costo, Alistair racchiude interamente il suo corpo in una speciale armatura bio-organica che gli permette di camminare di nuovo, oltre a dargli una forza e una velocità sovrumane. Nasce così l’Ammazzaragni Definitivo: artigli da rapace, lunghe lame che fuoriescono dalle spalle, un paio di lame più piccole inserite nelle braccia e uno speciale Spara Ragnatele, tutto incluso in una armatura che lo ricopre interamente e si collega alla sua spina dorsale. Naturalmente neppure questo funziona, Alistair viene catturato ma continua a fare apparizioni all'interno di una storyline molto contorta che incrocia il suo destino con quello del Doctor Octopus.
Sulla sua storia fumettistica ci sarebbe da parlare per ore ma, per non dilungarci troppo, diamo un’occhiata agli altri media. Comics e recenti ruoli cinematografici a parte, Smythe appare svariate volte in serie televisive e videogiochi. Ricordiamo la serie animata degli anni ’90 in cui l'Ammazzaragni Definitivo, inizialmente  semplicemente Alistair (con la voce di Maxwell Caulfield) affiancato al Kingpin, è uno dei villain principali. Per quanto riguarda lo Spidey dei videogiochi invece il nostro Alistair fa ben tre apparizioni: è uno dei nemici principali in The Amazing Spider-Man: Lethal Foes; è il boss in Spider-Man Animated Series per SNES  e Sega Genesis e soprattutto l’antagonista principale dell’ultimo videogame di  The Amazing Spider-Man, nel quale “rimpiazza” Lizard. Dopo l’arresto di  Curt Connors infatti Alistair prende  il suo posto come responsabile di Ricerca e Sviluppo alla Oscorp e inizia ad occuparsi degli animali mutati con DNA umano. Questi ultimi però si ribellano infettando lui ed altri scienziati, l’intervento di Spider-Man porta quindi Connors dalla parte del buoni, mentre Smythe diventa il villain principale del gioco. 
Insomma quella di Alistair Smythe è una lunghissima e contorta storia che attraversa svariati media e ancor più universi, fino ad arrivare a The Amazing Spider-Man: Il Potere di Electro. Abbiamo ripercorso i suoi passi e ora chissà, potremmo sentire di nuovo parlare di lui nei prossimi film.

Giada Rossi

Laureata in Astronomia, aspirante Astrofisica. Curiosa di natura. Scrivo soprattutto di scienza, ma preferisco parlare di cani buffi.

Ti potrebbero interessare anche:

Un commento

  1. per non parlare del combattimento tra l’ammazzaragni e lo “spiderman superiore”. primo vero villain a dare qualche grattacapo a doc ock nei panni di spiderman

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button